Il colosso Aurora entra nel business delle stampanti 3D

Topics:

Il gruppo Aurora, uno dei maggiori produttori di forniture per ufficio al mondo con base a Taiwan, ha mostrato ufficialmente la sua nuova stampante 3D per uso professionale.

Sviluppata in collaborazione con il ITRI – Industrial Technology Research Institute – la Aurora F1 3D verrà venduta il mese prossimo nei 166 negozi del colosso taiwanese al prezzo di 3,380 $ statunitensi.

Le stampe 3D potranno essere realizzate anche senza l’utilizzo di un computer, grazie all’utilizzo delle schede SD.

La stampante vuole raggiungere i produttori di componenti elettrici, i designer professionisti e gli istituti di educazione di Taiwan afferma Alice Lin, direttore esecutivo di Aurora Group.

La stampante 3D F1 Aurora verrà distribuita nei prossimi mesi anche negli Stati Uniti.

La collaborazione con l’ITRI porterà anche alla realizzazione di nuovi servizi cloud per le imprese, servizi che abiliteranno la stampa di modelli 3D in remoto.

La presentazione della nuova stampante 3D arriva segue l’accordo firmato con Stratasys, che permetterà ad Aurora di essere l’unico distributore delle stampanti 3D Idea di Stratasys per il mercato cinese e per Taiwan.

Secondo gli analisti le vendite della stampante 3D Aurora rappresenteranno il 10/15 % dei ricavi del gruppo nei prossimi 3 anni.

Le vendite di stampanti 3D sotto i 100000$ hanno fatto segnare una crescita del 49% nel 2013 secondo Gartner che ha contato circa 56.507 unità vendute.

Le vendite sono destinate a salire nel 2014 e per questo la mossa di Aurora sembra essere azzeccata.

Staremo a vedere ma quello che è certo è che il mercato della stampa 3D in Cina è in fermento, come dimostra il crescente interesse per i software di modellazione 3D.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>