Stampa 3D con metalli: arrivano i primi standard

Creare prodotti di elevata qualità attraverso la produzione additiva (AM) e la stampa 3D necessità la creazione di alcuni standard definiti con cura e linee guida per macchine e processi, materiali e parti stampate. Questo è forse ancora più importante nella creazione di parti in metallo di alta qualità. Le organizzazioni che si dovrebbero occupare di redarre questi standard sono ancora all’inizio del loro lavoro, hanno fissato delle linee guida e ne stanno sviluppando altre.

struttura metallo stampata 3d

La ASTM International sta oggi lavorando ad un nuovo standard il WK46188, con lo scopo di definire i requisiti della produzione Bed Fusion e dei prodotti che verranno realizzati con questa tecnica. L’organizzazione vuole fissare gli standard dei macchinari da impiegare e della qualità di prodotti stampati che poi potrebbero essere impiegati in campo medico o aerospaziale.
Si vogliono mettere i paletti per passare da una produzione prototipale ad una industriale, anche in settori delicati da un punto di vista della sicurezza.

La tecnologia Bed Fusion fa si che uno strato metallico cotonosa di polvere venga solidificato grazie ad un fascio di elettroni. Strato dopo strato si va quindi a creare l’oggetto progettato.

La ASTM ha già realizzato altri documenti volti a spingere le aziende impegnate nella stampa 3D di metalli a migliorare i propri prodotti e processi. Recentemente la ASTM ha iniziato una stretta collaborazione con la America Makes (https://americamakes.us) l’istituto americano per lo sviluppo delle tecnologie additive. La America Makes ha già raccolto molti progetti per sviluppare regole e knowledge base per la produzione additiva e i processi di stampa 3D, incluse alcune certificazioni. Molti di questi progetti riguardano processi con i metalli e applicazioni nel settore aerospaziale. Anche la Optomec, azienda leader della stampa 3D, è impegnata in molti progetti della America Makes.

L’America sta quindi spingendo molto per la realizzazione di standard completi per il mondo della stampa 3D e pensiamo che anche l’Europa dovrebbe mettere le basi per lo sviluppo di regole precise che potrebbero aiutare molte aziende che vogliono muovere i primi passi nel mondo delle tecnologie additive.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>