Funky Professor illustra la stampa 3D su Rai 5

Marco Zamperini, in arte Funky Professor, è uno dei pochi personaggi italiani legati al mondo della tecnologia che apprezzo. Non c’è un motivo in particolare per questa mia considerazione, ma tutte le volte che l’ho ascoltato o letto i suoi articoli mi ha sempre dato l’impressione di essere una persona preparata in grado di esporre in modo efficace i concetti.

Recentemente è intervenuto all’interno di Cool Tour, un programma di Rai 5 condotto da Francesca Lancini e Mattia Carzaniga. Nell’ultima puntata andata in onda ieri si è parlato di stampa 3D, delle applicazioni attuali e di quelle future.

Visto il poco tempo a disposizione e il target del programma non si è entrati nel dettaglio della tecnologia di stampa 3D ma ci si è limitati a tracciare i contorni di uno dei fenomeni più importanti attualmente in atto.

La cosa che non ci è piaciuta, se così si può dire, è stato il taglio futuristico che è stato dato all’intervento. Si è accennato alla possibilità di stampare i propri vestiti scaricando un modello dal sito del produttore, il che rappresenta effettivamente una applicazione futuristica. Non si è però dato spazio all’attuale possibilità di creare gioielli oppure alle applicazioni della stampa 3D in ambito medico, applicazioni reali già utilizzate da molti professionisti.

Presentare la stampa 3D come una tecnologia ancora lontana e futuristica non aiuta gli utenti ad avvicinarvisi. Per vedere una stampante 3D in ogni casa ci vorranno decenni ma riteniamo che già oggi si possano portare esempi pratici per spiegare questa rivoluzionaria tecnologia.

Vogliamo comunque ringraziare Funky Professor e alla redazione di Cool Tour Blog per aver dato spazio alla stampa 3D perché riteniamo che approfondimenti di questo tipo da parte dei grandi network possano aiutare lo sviluppo di questa rivoluzionaria tecnologia.

Purtroppo la RAI non ci mette a disposizione il codice per mostrarvi la puntata quindi vi rimandiamo al loro sito.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>