Investire nella stampa 3D, si o no?

La tecnologia della stampa 3D ha circa 30 anni. Le possibilità di sviluppo di un mercato consumer ha portato all’attenzione del grande pubblico tale tecnologia e in molti si chiedono se valga la acquistare azioni delle maggiori compagnie di questo settore.

Se guardiamo al mercato il 2012 è stato un anno molto buono per le società quotate: Stratasys è crescita del 164%, 3D System del 270%, Arcam del 145% e Proto-Labs del 36%. A guardare questi dati la risposta sembra ovvia, corri ad acquistare delle azioni.

Non è tutto rose e fiori

Barry Randal, mette sotto gli occhi degli investitori due aspetti di questo mercato:
1) Il mercato consumer è solo all’inizio e non è detto che cresca così in fretta come si possa pensare
2) I margini di profitto stanno scendendo rapidamente

In riferimento al primo punto l’economista mette in dubbio la crescita di un mercato consumer perché al momento gli oggetti “utili” che si possono stampare sono ancora troppo limitati. A questo si aggiunge la difficoltà che gli utenti hanno nell’utilizzo dei software di modellazione 3D, aspetto che non permette ancora di sfruttare appieno le stampanti 3D che già sono nel mercato.

Secondo Randal gli ottimi rendimenti delle azioni sono dovuti alla convinzione da parte dei mercati dell’espansione del mercato consumer più che da un vero e proprio valore di queste imprese.

La visione dell’economista americano è molto pessimista e per quanto ci riguarda è solo parzialmente condivisibile.

Il vero valore di queste compagnie non è da ricercare nelle loro stampanti 3D consumer ma in quelle rivolti ai professionisti. Se l’utilizzo delle stampanti 3D in ambito medico, oppure nelle produzioni in cui vengono impiegati metalli, ceramica o legno permetteranno di ottenere oggetti ad alto valore aggiunto e tale aspetto permettere di vendere le stampanti 3D professionali con margini molto più alti rispetto a quelle rivolte ai privati.

Informarsi è d’obbligo

Naturalmente non abbiamo siamo in grado di fornirvi dei consigli sull’acquisto e meno di azioni ma ti invitiamo a prestare la massima attenzione al mercato della stampa 3D. Le opportunità sono molte, le aziende che si quoteranno aumenteranno e molte altre stanno sfruttando l’hype attorno alla stampa 3D per attirare nuovi investitori.

La Massive Dynamics è una di quelle compagnie che dichiarano di operare nel in questo settore ma in fin dei conti non ha presentato nulla e soprattutto nessuno sa realmente di cosa si occupa. Per approfondire l’argomento vi rimandiamo ad un interessante articolo di Rose Brooke e Dan O’Connor che illustrano le contraddizioni di questa società.

Alla fine di quest’anno probabilmente gli orizzonti sul mercato e sulle società che vi operano saranno più chiari, fino ad allora vi invitiamo a prestare la massima attenzione al mercato per coglierne le opportunità e scoprire le mele marce che caratterizzano i mercati con tassi di crescita molto elevati.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>